Arborgrammaticus 1 ~ Fotografia: un archivio d’immagini che cresce come un bosco

LA BOTTEGA DELLO SGUARDO: UN PICCOLO FUOCO SEMPRE ACCESO
«Il fotografo che da anni documenta gli alberi plurisecolari» Antonio Cianciullo – La Repubblica

Tiziano Fratus ha unito la bottega della scrittura al desiderio di documentare i luoghi che andava visitando, le immagini del ricordo e le parole impresse sui quaderni del dendrosofo viaggiatore. Nell’arco di un decennio di ricerca è andato costituendosi un archivio – indicato talora col nome di Arborgrammaticus, uno dei neologismi del vocabolario coniato da Fratus – che ha illustrato diverse pubblicazioni per editori quali Laterza, Feltrinelli, Bompiani, Ediciclo, Fusta, Edizioni della Meridiana, quotidiani quali La Stampa, La Repubblica, Il Manifesto, magazine e svariati siti internet. Di questi scatti, inizialmente a colori e in seguito in bianco e nero, sono state fatte diverse esposizioni, ospiti di orti botanici, parchi naturali, musei e altre manifestazioni, fra i quali il Museo del Paesaggio a Verbania, l’Orto Botanico di Palermo, Palazzo Hanbury a Capo Mortola (Ventimiglia), Palazzo Recalcati a Varese, la sede centrale del Corpo Forestale a Roma, il Jersey Arts Centre.

«Il miglior modo per vedere un bosco è ad occhi chiusi» Tiziano Fratus

«Durante le mie peregrinazioni amo documentare gli incontri, i pezzi di mondo, le cortecce e le radici esposte, le morfologie e le proiezioni. E’ un modo per ascoltare la lingua muta dei grandi alberi, quell’”argot più antico”, come scrisse Jacques Prévert in una poesia della raccolta Arbres. Tronchi, architetture, ramificazioni. Spazi e dettagli. Mentre mi porto apresso questo minuscolo e incandescente fuoco accesso che arde nelle mani e negli occhi, tento di catturare quel che i sensi abitano là fuori nei quattro angoli retti di un mondo della materia e dell’anima. Arrivare ai piedi di una quercia di seicento anni, disperdersi nei campi di una Sicilia odorosa popolata di carrubi e ulivi plurisecolari, accarezzare la corteccia fibrosa delle sequoie e dei ginepri millenari nei parchi della California… emozioni grandi, tuffi in quell’Eden che ancora non siamo stati capaci di cancellare. E cosa meglio della fotografia senza tempo del bianco e nero, per ritrarre le sentinelle del mondo?»

>>> Pagina dedicata alle serie prodotte e alle precedenti esposizioni fotografiche

Manifesto della mostra fotografica °I giganti della natura°, scatti di Tiziano Fratus, in esposizione al Museo del Paesaggio di Verbania, in occasione del Festival Letteraltura, giugno 2011.

Homo Radix in California – Ammirando uno dei grandi ficus del Parco Balboa di San Diego, primavera 2008.

.

ULTIME NOTIZIE

IN BOTTEGA PER IL 2018
Due volumi sono in bottega per il 2018: in primavera toccherà ad Il bosco è un mondo per la collana Passaggi dell’editore Giulio Einaudi, in autunno all’esplorazione americana Giona delle sequoie che vedrà finalmente la luce per i tipi di Bompiani; entrambi saranno arricchiti da scatti in bianco e nero dell’archivio di Fratus.

I GIGANTI SILENZIOSI – NUOVI SCATTI PER BOMPIANI

Lo scorso mercoledì 6 settembre è sbocciata nelle librerie l’ultima esplorazione italiana per Bompiani, s’intitola I giganti silenziosi ed è dedicata agli alberi monumento delle città. In questa occasione le parole sono accompagnate da fotografie a colori.
>>> http://www.giunti.it/libri/viaggi/i-giganti-silenziosi/

FOTO IN BIANCO E NERO NELLA NUOVA EDIZIONE DEL MANUALE DEL PERFETTO CERCATORE D’ALBERI

Giovedì 14 settembre è rinato, per la terza edizione, il Manuale del perfetto cercatore d’alberi: la prima uscì nel 2013 per Kowalski, la seconda nel 2015 nella collana digitale Wide Zoom di Feltrinelli, mentre ora sboccia nella Tascabili Economica Feltrinelli. Per l’occasione il volume è corredato di scatti in bianco e nero dall’archivio di Tiziano Fratus.
>>> Scatti estratti dal Manuale del perfetto cercatore d’alberi
>>> http://www.feltrinellieditore.it/opera/opera/manuale-del-perfetto-cercatore-dalberi-1-2/

HORTUS – I FIORI AL TRAMONTO

All’interno del progetto fotografico Arborgrammaticus, che abbraccerà il lavoro di documentazione di molti anni condotto da Tiziano Fratus, si innesta anche una nuova serie in studio, a colori: Titolo: Hortus. Soggetto: i fiori del giardino di Casa del leccio ritratti in un’ora particolare, al tramonto.
>>> vedi alcuni scatti in anteprima – Camelia japonica Grace Albritton, Rhododendron ferrugineum e altri

fratus_pietre_redux_slogan

CORREDI IN BIANCO E NERO PER L’ITALIA E’ UN GIARDINO ED IL SOLE CHE NESSUNO VEDE

Scatti in bianco e nero dell’archivio Arborgrammaticus di Tiziano Fratus sono incluse in due recenti pubblicazioni: i volumi L’Italia è un giardino (Laterza, già in ristampa) ed Il sole che nessuno vede (Ediciclo). Buona lettura e buono sguardo.
>>> Scatti estratti da Il sole che nessuno vede

invito_mostratrento_arborea

ARBOREA AL MUSE DI TRENTO
Dal
16 dicembre 2016 al 12 febbraio 2017 è stata esposta al Museo delle Scienze di Trento Arborea, mostra delle opere congiunte di Federica Galli e Beth Moon dedicate ai grandi alberi d’Italia e del mondo, con testi di Tiziano Fratus e curatela della Fondazione Federica Galli di Milano.
>>> http://www.muse.it/it/Esplora/mostre-temporanee/Archivio/Pagine/Arborea–I-monumenti-vegetali-di-Beth-Moon-e-Federica-Galli.aspx
>>> http://www.huffingtonpost.it/2016/12/13/arborea-alberi-secolari-mostra-trento_n_13509738.html
>>> http://it.blastingnews.com/cultura-spettacoli/2016/12/gli-alberi-di-federica-galli-e-beth-moon-in-mostra-a-trento-001306307.html

laterza_big
HOMO RADIX 2015 – SCATTI PER GLI EDITORI LATERZA

Una selezione di scatti fotografici di Tiziano Fratus presi in varie parti d’Italia e in California.
>>> Serie che racchiude cinque anni di viaggi e alberografie
.

edizionimondadori
OGNI ALBERO E’ UN POETA – UN PROGETTO PER LIBRI MONDADORI

Quel che l’occhio del poeta vede, camminando in un bosco che è la somma di tanti boschi.
>>> Serie fotografica e citazioni per la Giornata Nazionale dell’Albero 2015

Annunci
Create a website or blog at WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: