Artisti & natura

LIBRI DI ARTISTI E PENSATORI CHE ASCOLTANO LA NATURA
Cataloghi e opere con contributi poetici e critici di Tiziano Fratus

,.

I diari di Rubha Hunish di Davide Sapienza
Edizione Redux include Il tempo della terra
Postfazione di Tiziano Fratus
Editore: Lubrina, Bergamo – 2017 | Pagine 264 | € 14,oo

Nel 2004, anno in cui Baldini Castoldi Dalai pubblica I diari di Rubha Hunish (considerato oggi il primo libro di narrativa geopoetica di viaggio), la connessione tra la dimensione interiore, l’immaginario e lo spirito umano si dispiegano liberamente dentro e anche oltre il territorio: ecco cosa è questo “journal” scritto in diversi angoli del mondo, edificato poi su pilastri filosofici che sono diventati un paradigma della relazione tra uomo e terra. Un’ampia schiera di viaggiatori degli spazi che il viaggio offre al pensiero e alla sua evoluzione emozionale, con I diari di Rubha Hunish trova un segnavia ormai riconosciuto. Questa nuova edizione include Il tempo della terra (inedito) con sette nuovi capitoli e il diario fotopoetico. Postfazione di Tiziano Fratus: «i veri orizzonti sono dentro di noi. Ognuno di noi ha esclusivamente terre sconosciute da scoprire: non sono i libri e le mappe a poterci dare soddisfazione.»

>>> Acquista il volume su Amazon.it

.

Arborea. I monumenti vegetali di Beth Moon e Federica Galli
Catalogo della mostra in esposizione al Muse di Trento dal 16 dicembre 2016 al 12 febbraio 2017
Testi di Tiziano Fratus, immagini di Beth Moon e Federica Galli
In collaborazione con la galleria PH Neutro Fine Art
Editore: Fondazione Federica Galli / Arti grafiche Baratelli, Milano – 2016 | € 5,oo

Lo spettacolo dei giganti – Ostensione di fotografie e incisioni con vecchi rami e qualche radice
Dimentichiamo spesso che in questa parte del mondo che chiamiamo Italia abitano creature alte fino a 62 metri, con superficie che raggiungono i 1300 metri quadri, ed età che bucano la soglia dei duemila e dei tremila anni. Non sono i più alti del pianeta – è un primato che spetta alle sequoie della contea di Humboldt, 115 metri – tantomeno i più vetusti, alcuni pini delle montagne californiane superano i 5000 anni – ma sono i rappresentanti, nelle nostre terre, di un popolo di grandi alberi che costella l’intero pianeta. Chiunque, fra di noi, arrivi alla base di uno di questi patriarchi vegetali, si trova conquistato dal silenzio, fisico, concreto, invadente, che essi sanno sprigionare: i rami saettanti, le cavità che riconosciamo e tentiamo di ammorbidire con le nostre curiosità e le nostre incertezze, le radici, prensili, colate, aggrappate con la caparbietà della pietra a rocce, dalle forme più suggestive, le cortecce che imitano le strutture biologiche degli animali, o di dinosauri estinti.
I grandi alberi. Le colonne del cielo. Il simbolo dell’unione possibile fra la profondità della terra – le radici – e la vastità del cielo – le fronde. Li accarezziamo col timore di far male, come si fa con le mani incredibilmente minute di un neonato. Non ci possiamo credere a questi miracoli colmi di vita che si dispiegano dinnanzi ai nostri sensi. Dalla vita appena esplosa alla vita che stenta a resistere, inlignita in secoli di attesa, in millenni talora. Ma cosa sono questi alberi? Qual è la loro natura? Vegetano e quindi non hanno forme di intelligenza e sono più simili al mondo inanimato dei minerali o sono vivi, in tutto e per tutto, sentono, percepiscono, interagiscono? Gli alberi pensano, come sostengono le ricerche della più recente neuroscienza?

Il catalogo può essere acquistato al bookshop del Muse di Trento o richiesto alla Fondazione Federica Galli
>>> Sito del Muse (Museo delle Scienze) di Trento
>>> Sito della Fondazione Federica Galli

.

FUORI. Suggestioni nell’incontro tra educazione e natura
Un volume a cura di Monica Guerra
Editore: Franco Angeli, Milano – 2015 | € 25,oo

Pensare a un’educazione naturale, intesa sia come educazione che individua nel fuori una dimensione privilegiata delle esperienze di crescita e di apprendimento, sia come educazione che si propone di essere vicina e congeniale alle modalità di ricercare e conoscere di bambini e ragazzi, è questione pedagogica di rilievo. Su questo sfondo, il testo si propone di offrire alcune suggestioni sul rapporto tra bambini e natura e sulle sue potenzialità educative e didattiche.
La discussione è affidata al contributo di pedagogisti, educatori, studiosi ed esperti di differenti ambiti disciplinari che, a partire da una parola chiave, propongono un approfondimento dal proprio osservatorio di ricerca ed esperienza, esplorando le molte possibilità che il binomio educazione-natura offre. Il quadro che si compone, a un tempo ricorsivo e poliedrico, mette in luce le diverse questioni che intercorrono nell’incontro con il mondo, trasversali alla più ampia esperienza di vita e di apprendimento.

Con i contributi di Francesca Antonacci, Emilio Bertoncini, Emanuela Bussolati, Renato Casagrandi, Cheryl Charles, Francesca Ciabotti, Alex Corlazzoli, Paolo Ferri, Tiziano Fratus, Emanuela Mancino, Gianni Manfredini, Monica Guerra, Claudia Ottella, Lola Ottolini, Telmo Pievani, Flaminia Raiteri, Stefano Sturloni, Paolo Tasini, Mauro Van Aken, Lorenzo Vascotto, Sara Vincetti e Barbara Zoccatelli. Presentazione di Cheryl Charles, Presidente fondatore del Children & Nature Network.

Monica Guerra è ricercatrice di Didattica e ricerca educativa presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione dell’Università di Milano-Bicocca.

>>> acquista il volume su Ibs.it

..

Ritorno alle radici / Back to the Roots di Ida Harm
Libro d’arte (autoproduzione) – Padova 2015 | € 30,oo

Ritorno alle radici / Back to the Roots s’intitola il catalogo di Ida Harm, la “pittrice degli alberi”. Ida Harm ha dedicato gli ultimi quindici anni allo studio e alla rappresentazione dei grandi patriarchi e delle piante da frutto. Il risultato è una lunga serie di personali e questo splendido viaggio nel suo regno di colori e fumature, non un catalogo in senso classico, ma un’autobiografia emotiva ed artistica articolata in nove sezioni. Libro di grande formato, copertina rigida in pasta di legno riciclata, 120 pagine in carta fsc, rilegatura artigianale, 85 opere a colori, schizzi preparatori, foto in bianco e nero di alberi, riferimenti geografici ai luoghi degli alberi e suggerimenti, film, blog, libri.

Introduzioni a cura del cercatore d’alberi Tiziano Fratus e del critico d’arte Ottorino De Lucchi.
>>> leggi Alberi: la foresta è dentro chi guarda introduzione di Tiziano Fratus (pdf)

Il volume può essere richiesto direttamente all’artista contattandola via email o telefono
>>> Sito dell’artista Ida Harm

..

Restoring the World di Giorgia Severi
A cura di Chiara Massini
Editore: Allemandi, Torino – 2014 | € 15,oo

Giorgia Severi è accompagnata dal silenzio, le cammina a fianco, si dischiude nella sue mani, lo dona alle persone che le si presentano di fronte: donando un seme dona il silenzio che è andato perso nel crepitio dell’incendio. La selvaticità farà il suo corso, per Madre Natura la nostra parentesi esistenziale è poca cosa, ma quel bosco che è scomparso ha lasciato un vuoto soprattutto dentro il cuore delle persone che amavano quegli alberi, che sapevano della loro esistenza e che ne rimpiangono la scomparsa. Restaurare la natura significa restaurare il bosco che a sua volta porta dritto alla restaurazione dell’anima. | Giorgia Severi is accompanied by silence, it walks at her side, unfolds in her hands as she offers it to the people she finds in front of her: by offering a seed she offers the silence that got lost in the crackling blaze. Wilderness will follow its course, since in Mother Nature’s eyes our existence is but a small parenthesis, but that lost forest has left a void, especially in the heart of those who loved those trees, who knew about them and regret their disappearance. Restoring nature means restoring the forest, which in turns leads directly to the restoration of the soul [Tiziano Fratus]

>>> scheda libro nel catalogo dell’editore
>>> acquista il volume su Ibs.it

.

cover_songs

Songs Canzoni testi di Roberta Magnani
Landscapes Paesaggi disegni di Virginia Mori
Editore: Kolibris, Bologna – 2011 | € 12,oo

In questo libro ci passa l’aria in mezzo. Ci cresce l’erba. Gli alberi spuntano dentro le abitazioni. I tronchi dei pini toccano il cielo. I cervi pensano in rima e i corvi sognano le nuvole. I corpi sono natura. Ma non è tutto soltanto lontano, sconosciuto, proiezione. L’uomo c’è, cammina, la sua azione esiste, come le antenne sui tetti degli edifici e i tralicci che circondano le città. Soltanto hanno radici d’inchiostro [Tiziano Fratus]

Questo libro è un inno, un canto dei gesti quotidiani e dell’attorno, celebrazione di rami slanciati contro il cielo e di radici che sprofondano nel buio pregno della terra. Da cui svettano alberi e balzano uccelli, ma anche palazzi, e lampioni e panchine, e tutta l’opera dell’umano in mezzo a una natura che tutto contiene e nonostante tutto tiene. […] E tra le pagine le voci delle autrici duettano, si pongono interrogativi cui rispondono, alla ricerca di un senso nel dialogo incessante tra uomo e natura, parola e paesaggio che racconta e si lascia raccontare, figurato in una danza di tratti e sillabe a segnare chiaroscuri, ombre sulla luce bianca del foglio e sfumature. E alla ventosa melodia del verso fanno da controcanto i profili ariosi delle immagini, nude, chiare, precise come la parola che le inscrive ma non descrive. [Chiara De Luca]

>>> scheda libro nel catalogo dell’editore