Le Ama, le pescatrici di perle di Toba

APPUNTO DAL RECENTE VIAGGIO IN GIAPPONE

Uno dei momenti più perturbanti del viaggio in Giappone è stata la dimostrazione delle “ama”, le pescatrici di perle nella baia di Toba. Una figura avventurosa sulla quale la letteratura e l’antropologia hanno lavorato. Le prime ostriche coltivate della zona risalgono al 1893, quando Kokichi Mikimoto sperimentò una nuova tecnica. Ma le “ama” esistevano già. La pesca avviene soltanto nei mesi invernali, da novembre a gennaio. Le ragazze e le donne si gettano in acqua con un secchio di legno che resta a galla, legato a loro tramite una corda. I corpi sono avvolti da lunghe vesti bianche. Nelle acque si aggirano le meduse. Dopo profondi respiri si immergono e restano a setacciare il fondo venti o trenta secondi, poi risalgono, come spettri venuti da un altro mondo. Restano a galla un minuto e si reimmergono. La loro fatica si fa sempre più evidente ad ogni ritorno all’ossigeno. E noi li ad osservare, costretti fra stupore e timore… spettatori di un’abilità che richiede coraggio e tempra, ma anche di una sequenza di conseguenze che potrebbe celare la tragedia.
© ph. Tiziano Fratus

Annunci

Lascia un commento e avrai una foglia in regalo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...