La musica del mare interno

IL NUOVO LAVORO DI STEPHAN MICUS
 
Molte stagioni fa entrai in un negozio di dischi a Roma. Vidi questo cd di un artista completamente – a me – sconosciuto, la copertina calda, arancio, il titolo “Desert Poems”. Inizia ad ascoltarlo, fu una scoperta come tante ma dentro sentivo il rumore del viaggio, l’incedere di una mente che colleziona. La seconda traccia, anzitutto, era ipnotica. Capace di farla girare per ore, mentre lavoravo. Un mese fa mentre ero in cammino fra i grandi alberi del Giappone, la sera, riposando, sono tornato sul sito della ECM e vedo che è appena uscito il 22esimo cd dello stesso artista. Stephan Micus, tedesco. Vedo anche che faccia ha e decido di approfondire. Me l’ero immaginato alto e nero, un pugno di terra. Invece ha il viso di un europeo colto. Il nuovo lavoro si intitola “Inland Sea”. Pulsa e richiama.
Annunci

Lascia un commento e avrai una foglia in regalo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: