Icaro non è una proiezione, è una radice

lac_fratus_2017_alba_1_redux

Estratto da °Il sole che nessuno vede. Meditare in natura e ricostruire il mondo°

È interessante osservare le geometrie del corpo di un danzatore che cerca d’imitare i movimenti di un albero, l’albero che più spesso incontra, un albero in cattività, uno di quei migranti che obblighiamo a convivere con noi nelle città. Essi tentano di adattarsi, cercano a loro volta di imitare noi umani, e noi, nel ritrarli, finiamo per sentire il loro tormento, la loro sofferenza legnosa e sprovvista di parole. Ma nondimeno precisa. Gli alberi sono dèi ignari, amplificano la nostra solitudine. La loro ignoranza ci annienta, ed è proprio da questo silenzio che ricominciamo a discendere nel nostro più assoluto silenzio. Ce ne nutriamo, se ne siamo capaci, prima di spiccare il volo con le ali che avevamo dimenticato di possedere. Icaro non è una proiezione, un’estensione dell’immaginazione e dell’arroganza, è una radice.

© Ph. Tiziano Fratus

Annunci

Lascia un commento e avrai una foglia in regalo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: