Homo novus in arbore

fratus_roots_redux

Estratto da Il sole che nessuno vede. Meditare in natura e ricostruire il mondo

Quando mi ritrovo dentro la grande bocca scura di un castagno cavo mi sento a casa. Ricordo la sensazione, distopica, al tempo stesso rassicurante e veemente, sfibrante, che provavo mentre germinavo pensieri nel cuore delle sequoie millenarie in California, dove sono rinato: homo radix, homo novus in arbore. In una terra che calpestavo per la prima volta s’è acceso un “foco” dentro le mani che hanno iniziato a mostrarmi una vita diversa. La distanza con quel che mi circondava si era trasformata. Era il primo seme che precipitava in una stanza che avevo sempre tenuto chiusa, anzi, che non conoscevo affatto. In questo terrario sono nate nuove idee, nuove parole, nuove “istintualità” che mi hanno condotto a nuove forme di esperienza. Così, alla ricerca di nuove dimore temporanee ho iniziato un viaggio nel paesaggio che ha condotto in luoghi fisici e in altri boschi cartacei. Anzitutto la storia, quell’intreccio composto di rivoli ruscelli e venature che fanno di quel che ci contiene nido e possibilità di fuga. Il nostro corpo, talvolta lo vorremmo superare, abbandonare, frangere, dismettere, ma talvolta ci pare il luogo più sicuro dove abitare il tempo che ci è donato dall’architettura stellare.

Annunci

Lascia un commento e avrai una foglia in regalo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: