E’ meglio dubitare della natura come ristoro medicamentoso

fontana_fratus
Da °Il sole che nessuno vede. Meditare in natura e ricostruire il mondo°, di Tiziano Fratus, Ediciclo – In libreria da domani
E’ meglio dubitare della natura come ristoro medicamentoso: chi è turbato, scosso, percorso da un grande dolore, da una perdita, da un tradimento, dal senso di colpa, dal desiderio per qualcosa di nocivo che ci potrebbe consumare, andando a nascondersi in un bosco, pellegrinando ad ascoltare il sussurro riposante e dilavante delle acque di una sorgente, potrebbe anche ottenere l’esito opposto. Invece di riscuotere riparo e guarigione, la pratica del meditare in natura potrebbe mettere in contatto furioso con la tempesta, potrebbe scatenare gli ultimi draghi che non attendono altro per sfuriare. Il dolore è un mare che deve scorrere. Non può essere fermato, non può essere congelato, e non può essere procrastinato. Chi cerca di farlo dovrà fare i conti con un’onda improvvisa, che arriverà, e si infrangerà, contro le proprie modeste difese nel momento meno opportuno.
 
Advertisements

Lascia un commento e avrai una foglia in regalo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: