50 anni fa, la “Notte di Talamanca”

cioran
Era il 31 luglio 1966 quando Emil Cioran, inizia a scrivere un “taccuino” che lo vedrà sprofondare in una crisi fra le più magmatiche, del suo percorso di uomo e di pensatore. Abitava gli spazi del villaggio di Talamanca, a Ibiza. Cammina, riflette, rilegge, indaga. Macera. Ecco come inizia: «Stanotte, completamente sveglio verso le 3. Impossibile rimanere ancora a letto. Sono andato a passeggiare in riva al mare, sotto l’impulso dei pensieri più cupi. E se andassi a buttarmi giù dalla falesia? Sono venuto fin qui per il sole, e non sopporto il sole. Tutti sono abbronzati, io devo restare bianco, pallido. Mentre facevo ogni sorta di amare riflessioni, guardavo quei pini, quelle rocce, quelle onde visitate dalla luna, e improvvisamente ho sentito fino a che punto sono inchiodato a questo bell’universo maledetto». I maestri zen lo testimoniano da secoli: il risveglio arriva per intuizione.
cioran2
Advertisements

Lascia un commento e avrai una foglia in regalo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: